Maddalena Fasoli

Inizia lo studio del violino a 7 anni e si diploma nel 2006 al Conservatorio di Verona “E.F.Dall’Abaco” sotto la guida del M° Flavio Bortolotti. Interessata ad approfondire anche altri generi musicali, inizia gli studi jazz diplomandosi nel 2012 sotto la guida del M° Roberto Rossi. Agli studi classici affianca quelli universitari, diplomandosi in Scienze dei Beni Culturali nel 2009.

Durante il percorso di studi inizia un’ intensa collaborazione con la cantautrice Veronica Marchi con cui andrà in tour in Italia e in Europa. Inciderà con lei i suoi tre dischi: “Veronica Marchi”, “L’acqua del mare non si può bere” e “La guarigione”. Insieme a Veronica realizza anche il CD “Vestito per amare” che contiene una raccolta di brani di Leonard Cohen tradotti in italiano da Flavio Poltronieri e Marco Ongaro. Maddalena collabora inoltre con altri musicisti, come violinista o violista, tra i quali: Diane Peters, Ettore Martin, Cheryl Porter, Francesco Geminiani per il progetto originale “Playwood”, Pippo Pollina insieme ai cantautori tedeschi Werner Schmidbauer e Martin Kälberer nel concerto conclusivo del loro tour europeo “Süden”, all’Arena di Verona. Come violista suona per il progetto di tango “Meditango ensamble”, formato dal fisarmonicista Tiziano Chiapelli, la violinista Lorella Baldin e la violoncellista Paola Zannoni. Nel 2017 suona nel disco tributo a Tenco “Come ti vedono gli altri” con gli arrangiamenti di Mauro Ottolini.

Parallelamente all’attività live e di formazione, ha un’intensa attività di insegnamento. Nell’estate 2018 consegue il terzo livello di abilitazione all’insegnamento con il Metodo Suzuki all’Istituto Suzuki di Lione, sotto la guida dei maestri C.Bossuat, J.Martin e G.Prost, e si avvicina alla metodologia Colourstrings, prendendo parte ad un corso di approfondimento con il M° Géza Szilvay. Partecipa inoltre a corsi di diattica con i maestri Antonio Giacometti e Marino Vettoretti; al corso “Il ritmo e la voce in età evolutiva” con Tiziana Pozzo.